Che fine ha fatto Urbano Cairo? (Francesca Perreca, La Buca di Maspero)

Quanto accaduto ieri oramai è routine, una certezza, come il fatto che io non dimagrisco. Con la differenza che io con la forza di volontà, un po’ di costanza e un obiettivo stagionale (mettermi il trikini) potrei dimagrire.

Al Torino creato in questi 15 anni non appartiene nulla di tutto ciò. Al Torino preso e fatto risorgere dalla ceneri (cit.), appartengono solo disfatte; che poi, se volessi puntualizzare, il problema non sono le sconfitte, bensì quello che materializza in campo. Cerco di spiegarmi meglio.

Ieri furono Cerci ed Immobile, poi Maksimović, poi Quagliarella (le cui scuse peró non le ho digerite), poi il ritorno dell mercenario Immobile. Poi fu il turno di un allenatore che osò chiedere un qualcuno a centrocampo e che per molto meno fu esonerato. Poi fu il turno del DS che rubó il database ricco di fenomeni. Poi di nuovo l’allenatore, quello che ha sfoltito la rosa e pare pasteggiasse a Tavernello. Oggi sono Izzo e Nkoulou e si è aggiunto alla lista anche Sirigu.

Secondo taluni, il fatto che la squadra sia per lo più composta da dilettanti è proprio per colpa degli stessi giocatori, e allenatori, e preparatori atletici, e DS, e del campo, e della sfortuna, e degli unicorni volanti.

La fiamma che alimenta questa marea di colpevoli è il tifoso, quello maicuntent. Sembra una pièce tragicomica il cui sceneggiatore però non ne sa nulla, nonostante ne sia il creatore. Non sa… oppure non gli importa nulla.

Ed ecco il punto: il sig. Urbano Cairo dov’è? In tutto questo sfacelo, perché il sig. Urbano Cairo non parla? Il sig. Urbano Cairo si è riempito la bocca di paroloni, si è auto-votato con un bel 7 per il suo operato e poi che fa? Sparisce come i vermi nella terra che si cibano dei cadaveri. Eppure questo “nuovo ciclo” lo ha costruito lui.

È lui che ha voluto il maestro perché erano anni che lo bramava, è lui che afferma che sta venendo fuori un “buon Torino” (sì, lo chiama Torino), è lui che dà la disponibilità di portafoglio al suo Ds (tuttavia un figo con cui ci farei le peggio zozzerie).

Insomma: è lui il presidente della società Torino F.C. 1906, eppure non fa dichiarazioni. Lui sta in silenzio e manda gli altri… persino a fare gli striscioni.

Che stile eh… 
Il ca@@o, anzi le ovaie nel mio caso, me le ha rotte solo lui.

>>NOVITA’: GUARDA QUANTO SIAMO FIGHI IN MONDOVISIONE<<

Leggi QUI gli articoli di Francesca Perreca
Leggi QUI gli articoli di Marco Fratta
Leggi QUI l’angolo di Franco Zolaudia
Leggi QUI gli articoli deinostri lettori
Leggi QUI la sezione interviste
Torna alla home
>>Siamo anche su Facebook<<

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *