“E tu…” di Claudio Baglioni diventa “E tu, insieme alla Digos tu” di Francesca Perreca

Dopo le creazioni di Mauro Saglietti (leggi QUI ‘Nduma e QUI Naso di Rosa) e la poesia leopardiana del socio Marco Fratta (leggi QUI A Urbana) anche io ho composto ed adattato ai miei sentimenti un pezzo storico della musica italiana. Essendo un’eterna romantica, ho rivisitato una canzone d’amore che fa sempre battere il cuore.
Da leggere cantando.


Francesca Perreca – E TU, INSIEME ALLA DIGOS TU

Raccolti ad ascoltarti tutti in piazza
quanto tempo siamo stati
senza ingranare.
Seguire i tuoi discorsi alla tivvù
mentre il Toro arrichiva piano 
il tuo giornale.

E tu…
fatto di sguardi tu
e con la lingua fuori tu
ed io
che ci credevo io
sfogliavo i tuoi giornali io.

E fermarci a giocare
laggiù a Cittadella
e restare degli anni
in serie B.

Senti imprecare di più
senti imprecare di più…

E nascoste nell’ombra delle Langhe
delle Ciampi
ed un brivido improvviso
stando al buffet.
Poi correre sfinito a Milano
fare a gara per contare
qualche plusvalenza.

E tu…
insieme alla digos tu
in ogni mia bestemmia tu.
Ed io
non resto zitta io
per non sciupare tutto io.

E ti sfreghi le mani
come nel novantasei
e ti scopri più bella
con una nuova App.
E ti odio di più
e ti odio di più
forse sei una merda…

E adesso non ci sei che tu
soltanto tu e sempre tu
che stai sfasciando questo TORO MIO.
Ed io che cosa mai farei
se al mondo non ci fossi tu
a profanare questo amore…

E per gioco siam ripescati
per l’Europa League
e tra un calcio un altro e un altro ancora
da non andare avanti
e che tu
basso e mandrogno tu
non eri proprio affranto tu
ed io
che ci credevo io
e mi abbonavo ancora io.

Con gli sponsor nuovi
stavi lì a scherzare
poi daspavi la curva
quella Primavera.

Provo odio per te
provo odio per te
TE NE DEVI ANDARE…

E adesso non ci sei che tu
soltanto tu e sempre tu
che stai sfasciando questo TORO MIO.
Ed io che cosa mai farei
se al mondo non ci fossi tu
a profanare questo amore…

Leggi QUI gli articoli di Francesca Perreca
Leggi QUI gli articoli di Marco Fratta
Torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *