“A Urbana”, Poesia Leopardiana (M. Fratta, La Buca di Maspero)

«Urbana, rimembri ancora
quel tempo della tua vita immorale
quando avarizia splendea
negli occhi tuoi avidi e schivi
e tu, orrenda e penosa, il fomentare
di altrui rabbie salivi?

Sonavan gli agitati
Daspo, e le vie dintorno,
al tuo perpetuo rutto
allor che ciamporgnali intenta
sedevi, assai flatulenta
di quel zozzo avvenir che in mente avevi.
Era il maggio alessandrino: e tu solevi
così menarti l’involtino.

Io il tifo leggiadro
talor lasciando la sudata curva,
ove il tempo mio primo
e di me si spendea la miglior parte,
d’in su i veroni del paterno bordello
porgea scuregge al suon dei tuoi video,
ed alla man veloce
che percorrea “skip video” sulla faticosa tela.

Mirava il ciel cadetto
le vie inquinate e i bigotti,
e quinci il mar da lungi, e i perdenti di propria sponte.
Lingua mortal già dice
che t’ l’as catà d’mac d’le picie.

Che pensieri putridi,
che rese, che silenzi, o Urbana mia!
Quale allor ci apparia
la fede sportiva che hai oltraggiato!

Quando sovviemmi di cotanto male
un odio mi sale
maturo e determinato
e tornami a doler di mia pubica rottura.

O Rcs, O Blackstone,
perché non rendi poi
quel che prometti allor? Perché di tanto
inganni i figli tuoi?
Tu pria che il viagra inturgidisse il vergo
da chiuso morbo combattuta e vinta,
perivi, o tenerella! E non vedevi
i profitti degl’anni tuoi.

Non ti molceva il core
i colpi di testa or delle nere chiome,
or dei rigori sbagliati e di gloria privi,
né teco le ciamporgne ai dì festivi
ragionavan d’amore.

Anche peria fra poco
la speranza mia dolce: agli anni miei
anche senza risultati
il bilancio. Ahi come, come
importante sei.
Caro compagno della sfiga mia nuova
mie lacrimate pene!

Questo è quel mondo? Questi
gli scudetti, l’amor, le coppe, gli eventi
onde cotanto ragionammo insieme?
Questa la sorte delle granate genti?
All’apparir del vero
tu, misera, retrocedesti: e con la mano
il freddo profitto e la pisciotta ignuda
mostravi di lontano».

Leggi QUI gli articoli di Francesca Perreca
Leggi QUI gli articoli di Marco Fratta
Torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *